Click per tornare alla home page
Seguici su facebook
I nostri video su YouTube.com
Seguici su google Plus
Ricerca Agriturismo
Luogo
Ricerca libera
/agriclub/StrutturaSito/ico_disabili.png
/agriclub/StrutturaSito/ico_animali.png
/agriclub/StrutturaSito/ico_ristorante.png
Ricerca avanzata >
Seleziona gli agriturismi della Toscana
Seleziona gli agriturismi dell'Abruzzo
Seleziona gli agriturismi della Sicilia
Seleziona gli agriturismi del Lazio
Seleziona gli agriturismi della Sardegna
Seleziona gli agriturismi del Piemonte
Seleziona gli agriturismi della Lombardia
Seleziona gli agriturismi della Valle d'Aosta
Seleziona gli agriturismi del Trentino Alto Adige
Seleziona gli agriturismi del Friuli Venezia Giulia
Seleziona gli agriturismi del Veneto
Seleziona gli agriturismi dell'Emilia Romagna
Seleziona gli agriturismi della Liguria
Seleziona gli agriturismi delle Marche
Seleziona gli agriturismi dell'Umbria
Seleziona gli agriturismi del Molise
Seleziona gli agriturismi della Puglia
Seleziona gli agriturismi della Basilicata
Seleziona gli agriturismi della Campania
Seleziona gli agriturismi della Calabria
L'uomo Cervo / Molise / Rocchetta a Volturno (IS)
Indirizzo e recapiti
Regione: Molise
Provincia: Isernia
Città: Rocchetta a Volturno
Località: Castelnuovo al Volturno
Indirizzo:
L'ultima domenica di carnevale, a Castelnuovo al Volturno, frazione di Rocchetta al Volturno (Isernia), si ripropone un’antichissima rappresentazione.
Uomini, donne, bambini, da soli o a piccoli gruppi si radunano, osservano, si salutano, parlano. Col passare dei minuti il vocio diventa sempre più forte e si amalgama con una intrigante atmosfera d'attesa.
Quando il buio comincia ad avvolgere ogni cosa e l'aria è sempre più fresca e silenziosa si ode uno strano rumore provenire dalla parte alta dell'abitato. Dapprima un rumore indistinto, poi sempre più chiaro: è il tintinnio di più campanacci, suonati con una cadenza ossessiva. La gente prova un brivido quando il gruppo di figure appare sulla sommità della salita che porta anche al borgo vecchio. Come uscite da un incubo primordiale sono le Janare, le streghe, dai lunghi capelli stopposi, dai volti grifagni. Esse scendono verso il pubblico sconcertato e incuriosito, suonando il campano con ritmo sempre più serrato, movendo passi di una lugubre danza ad annunciare che un evento straordinario e terribile sta per accadere. Giunte nella piazza, queste singolari creature sciolgono il loro sodalizio e si disperdono correndo tra le case e la gente.
L'atmosfera, carica di tensione, è pronta ad accogliere l'evento.
Ed ecco gli zampognari che, con passo lento come la melodia delle loro zampogne, avvertono che sta arrivando.
La platea ammutolisce.
Un grido allarmato risuona nell'aria greve: "Gl' Cierv'! Gl' Cierv!'".
Rapidamente diventano sempre più distinti rumori di numerosi, altri campanacci, grida, versi inusuali; cresce l'animazione e la folla, con un clamore stupito, accoglie l'arrivo della Bestia.
Con grandi corna ramificate sul capo, interamente coperto di ruvide pelli, il volto, le mani dipinti di nero e il petto ornato di campanacci difformi, l' Uomo Cervo, gl' Cierv, ostenta tuta la sua forza, vitalità e cattiveria.
Con minore vigoria ma altrettanta vivacità è assecondato dalla sua compagna Cerva, con un pellame più chiaro e movenze più aggraziate.
Entrambi aggrediscono e distruggono tutto ciò che incontrano sulla loro strada, terrorizzando l'impotente paese.
Solo Martino, misterioso personaggio vestito di bianco e con un lungo cappello a cono, mago o folletto venuto dalla montagna, cerca di arginare la furia delle Bestie. Con loro ingaggia una lotta impari, armato soltanto del suo bastone.
Dopo un duro combattimento fatto di salti, corse, capriole, bramiti spaventosi, Martino riesce a soggiogare l'Uomo Cervo e la compagna, legandoli strettamente con una corda. Nonostante questo le Bestie continuano ad ostentare aggressività, cercando di sopraffare in qualsiasi modo il loro controllore, deridendo la folla, rifiutando con disprezzo la polenta offertagli come pacificazione, tentando improbabili quanto disperati caracolli, fino a che il furore non predomina ed essi si liberano riprendendo a sfogare tutta la potenza animale.
C'è un momento più compassato, quando gl' Cierv' cede alle lusinghe della Cerva per vivere "la stagione degli amori", ma subito dopo ricomincia, più forte, la sarabanda. Nulla sembra più in grado di fermare le Bestie.
Ecco allora comparire, materializzato dal destino, il Cacciatore. Impassibile come un giustiziere si pone di fronte all'Uomo Cervo e alla sua compagna. Freddo e preciso li colpisce.
Le Bestie lentamente si accasciano in un improvviso silenzio.
La gente è attonita, come si è attoniti ogni volta che si insinua la l'idea della morte. Adagio il Cacciatore si avvicina ai due corpi inerti, su di loro si china e soffia nelle loro orecchie e, come per incanto le Bestie rivivono, mondate da ogni male, in una ritrovata dimensione naturale.
E mentre un generale sospiro di sollievo allenta la tensione anticipando il sentimento di allegrezza che pervaderà di lì a poco la piazza, un grande falò purificatore viene acceso.
L'Uomo Cervo e la Cerva, in un'atmosfera festante e presaga di ottimi auspici, si allontanano tornandosene nei boschi sui monti.
Dai vicoli, dalle case, d'in mezzo alla gente tornano le nere figure delle Janare. Come attratte dalla forza del fuoco vi si radunano attorno e danzano perché, ricordano, la magia pervade ogni angolo della terra, ogni momento della nostra vita, se soltanto abbiamo la capacità di cercarla.
Così si presenta il rito che si ripete ogni anno a Castelnuovo.
INFO:
Associazione culturale "Il Cervo"
Corso Risorgimento, 61
Castelnuovo al Volturno (IS)
Tel 0865954263
Fax 0865954263
Gsm 3387788993
www.uomocervo.org/
Località
 
Periodo (da - a)
-  
 
  •  
    Sul Tratturo
    Il B&B “Sul Tratturo” si trova a Pescolanciano lungo il millenario sentiero che i pastori percorrevano per trasferire le greggi dai pascoli montani abruzzesi al mare.
 Pochi sanno che il termine “tratturo” è stato coniat...
  •  
    BORGO SAN PIETRO
    Il Bed & Breakfast Borgo San Pietro si costituisce di due prestigiose palazzine primi 900 finemente ristrutturate e prende il nome dalla vicina chiesa di San Pietro, risalente al XI secolo. Esso è situato nel centro st...
  •  
    CHALET NELLA
    Delizioso casale in pietra immerso nei boschi,a 2h da Roma, 20 km da Roccaraso e CampitelloMatese,passeggiate a piedi, in bicicletta, a cavallo. Cibi casarecci, cordialità, relax, riposo. Anche pensione completa.
  •  
    ACQUASALSA
    Masseria in pietra del primo 900 ristrutturata secondo la tradizione locale. Dotata di n. 2 appartamenti indipendenti con angolo cottura, soggiorno per n. 4 camere da letto e complessivi n.10 posti letto, riscaldamento ...
  •  
    Masseria Santa Lucia
    Caratteristica villa di campagna immersa nel verde delle colline molisane tra uliveti e vigneti. Si compone di un appartamento grande e completo di tutti i confort ed un bilocale costituito da due camere doppie con bagn...
  •  
    LOCANDA DEGLI ILLUSTRI
    Sono disponibili 15 camere e 15 mini appartamenti, per un totale di 25 posti letto per l’albergo e 89 per i mini-appartamento. Ogni camera dispone di servizi igienici indipendenti, TV e telefono. Aperto tutto l'anno.
  •  
    LE SETTE QUERCE
    Le Sette Querce, a ridosso di un laghetto artificiale in territorio di Sesto Campano, prende il nome da sette magnifiche querce che si stagliano tra alcune casette in pietra che compongono il villaggio rurale. I piccoli ...
  •  
    CONVENTO VECCHIO
    L'azienda è ubicata in un piccolo borgo rurale costituito da un insieme di fabbricati molto semplici dal punto di vista architettonico, ad oltre 600 metri di altezza, su di un poggio immerso nel verde e circondato da gro...
  •  
    DIMORA DEL PRETE DI BELMONTE
    Contenuti in fase di aggiornamento! I contenuti della scheda di questa azienda sono in fase di aggiornamento, la struttura provvederà quanto prima all’inserimento di tutte le informazioni necessarie, quali: servizi inter...
  •  
    ZAMPACORTA
    L'Azienda Agrituristica Zampacorta, nata nel 1999, è sita in una contrada rurale del comune di Macchiagodena. Il complesso architettonico è costituito da due fabbricati rurali ristrutturati di fine '800, epoca della qual...
  •  
    VECCHIO GRANAIO
    L'Azienda Agrituristica Vecchio Granaio è situata nello stupendo ambiente naturale dell'agro di Vastogirardi. La struttura ricettiva è la risultante della ristrutturazione di un vecchio mulino, nei pressi delle sorgenti ...
  •  
    MASSERIA DEL DOTTORE
    L'Azienda Agrituristica Masseria del Dottore è completamente immersa nel verde, nell'agro della suggestiva località Vandra. Il casolare in pietra, con le camere per il pernottamento e tre sale per il ristoro, risale agli...
  •  
    LE SERRE
    L’Azienda Le Serre è nata come associata dell’Azienda Agrituristica Selvaggi, allo scopo di ampliare le opportunità produttive del territorio, i periodi per la frequenza turistica e la dotazione di posti letto. Essa affi...
  •  
    LA SORGENTE
    L'agriturismo La Sorgente è situato su una splendida terrazza naturale, che si affaccia sulla valle ai piedi della maestosa catena montuosa del Matese, a pochissimi chilometri dal centro cittadino di Macchiagodena in pro...
  •  
    LA GRANDE QUERCIA
    L’Azienda Agrituristica La Grande Quercia è costituita da un casolare in pietra, a piani sfalsati, utilizzato in origine per ospitare gli operai delle Ferrovie dello Stato che lavoravano alla ricostruzione della linea fe...
Strutture nelle vicinanze
Itinerari nelle vicinanze
Iscriviti ad Agriclub